IMPORTANTE: APPELLO PER ADESIONE AL RICORSO AL TAR CONTRO IL TAV BRESCIA-VERONA

Il Coordinamento No Tav Brescia-Verona, formato da comitati di uomini e donne che negli ultimi anni stanno svolgendo attività informativa su quest’opera altamente distruttiva per il nostro territorio, promuove un nuovo RICORSO AL TAR autonomo e in aggiunta a quello già depositato ad aprile ed in attesa di fissazione di udienza. A tal fine, ci avvaliamo del sostegno di un avvocato esperto in diritto amministrativo e la consulenza di professionisti esperti in materie tecniche. Come Coordinamento No Tav Brescia-Verona riteniamo che ogni azione legale vada intrapresa, così come tutte le altre strade che abbiamo percorso in questi anni, per tentare di fermare un’opera che non presenta alcuna utilità per il nostro territorio e che creerà gravi danni all’economia locale, al turismo e alla vita quotidiana di tutti gli abitanti di queste terre.

APPELLO RIVOLTO A:
* TUTTI GLI ESPRORPIANDI DEL TAV BS-VR
* FRONTISTI cioè CHI ABITA A RIDOSSO DELL’OPERA E SUBIRÀ’ DANNI DI DIVERSO TIPO (pur non essendo espropriato)
* ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE DI TUTTA LA PROVINCIA
* COMUNI INTERESSATI DALLA TRATTA TAV BRESCIA-VERONA

QUI trovate la lettera completa: lettera-espropriati-ricorso-ottobre-2016

La motivazione principale di questo nuovo ricorso è che con delibera CIPE del 12 agosto 2016 è STATO REITERATO IL VINCOLO ALL’ESPROPRIO SUI TERRENI, CASE E AZIENDE interessati dalla linea alta velocità.
In questo modo si arriverà ad un vincolo RECORD e a nostro parere VERGOGNOSO di 19 anni!

Per gli espropriandi è FONDAMENTALE impugnare ANCHE questi atti in quanto ci sono una serie di gravi vizi e lacune che possono essere fatti valere in sede legale. Tale impugnazione unisce le forze per un’azione legale collettiva e quindi aumenta le speranze per un esito positivo. E’ ovviamente possibile per il singolo esproporiando fare ricorso autonomamente, ma partecipare al ricorso collettivo riduce fortemente i costi legali e aumenta la forza del ricorso in sè.

E’ fondamentale inoltre anche l’adesione di associazioni ambientaliste visti i numerosi vizi impugnabili a riguardo della VALUTAZIONE D’IMPATTO AMBIENTALE STRATEGICA (VAS).

L’adesione al ricorso che stiamo preparando va comunicata ENTRO IL 19 OTTOBRE.

I costi saranno tanto più limitati, tanto maggiore sarà il numero dei partecipanti, ma sicuramente notevolmente inferiore rispetto a intraprendere questa strada legale da soli, e con un efficacia legale ben diversa quante più realtà e persone vengono riunite insieme per un NO a gran voce (in ogni caso il costo non supererà l’importo minimo di adesione di € 50,00 a testa).

L’interesse all’adesione va comunicato via mail all’indirizzo info@notavbs.org e verrete poi contattati per essere informati sui contenuti specifici del ricorso. Oppure, per chi ha difficoltà con l’uso del computer, potete contattare via telefono, anche per ogni ulteriore informazione, i seguenti contatti:

  • Laura Corsini 338 2243648 (chiamare dopo ore 12);
  • Renato Peretti 338 2663156
  • Marina Beatini 333 4696961

CHIEDIAMO AIUTO A TUTTI E TUTTE PER LA MASSIMA DIFFUSIONE DELL’APPELLO PERCHE’ PER POTERLO FERMARE DOBBIAMO PROVARE A PERCORRERE OGNI STRADA, MA SEMPRE INSIEME!

Coordinamento No Tav Brescia-Verona

lettera-espropriati-ricorso-ottobre-2016 lettera-espropriati-ricorso-ottobre-20162

 

 

2 GIORNI PER COSTRUIRE INSIEME UN FORNO MOBILE NO TAV + CENA BENEFIT TERREMOTATI

Venerdì 14 ottobre e sabato 15 venite a costruire insieme a noi un forno per pizze mobile che useremo in futuro per tante momenti insieme di socialità, lotta e autofinanziamento.

Un ottima occasione per imparare la tecnica costruttiva e aiutare con le proprie mani a costruire un forno comunitario.

Al termine della seconda giornata seguirà una cena benefit per i terremotati del centro italia.

Venerdì 14 ottobre
dalle 14.00 fino alle 18.00
Introduzione teorica alla tecnica costruttiva, posa del basamento portante/isolante, inizio costruzione della volta.

Sabato 15 ottobre
dalle 9.30 fino alle 18.00
proseguimento della costruzione e chiusura della volta, armatura e isolamento termico del forno.

Seguirà dalle 20.00 cena Vegan per raccolta fondi per i terremotati del centro Italia, comprensiva di antipasto, primo, secondo a buffet e bevande incluse; il menù prevede:

  • verdure di stagione con salse
  • orzotto con zucca
  • polpette di legumi con patate e erbette
  • dolce a sorpresa

Il forno sarà costruito con la tecnica del forno in mattone legato con malta d’argilla, armato in metallo e isolato con malta speciale alleggerita.

L’iniziativa si terrà presso “Circolo del Monco” Via 28 Marzo, 20 Brescia (S.Eufemia)

E’ necessaria la tessera ARCI, disponibile in loco.

Per il laboratorio è necessario prenotarsi anticipatamente ed è possibile lasciare un offerta libera per contribuire alle spese di costruzione.

La cena ha un costo di 20 euro (a prenotazione!) e il ricavato sarà devoluto alle brigate di solidarietà attiva per sostenere le popolazioni terremotate del centro italia.

Per prenotazione:

  • Laboratorio forno: Marco 3474039192
  • Cena benefit: Francesco 3889541074

Nicoletta Dosio a Roma : intervento a sorpresa in apertura all’assemblea nazionale “c’è chi dice no”

Nicoletta Dosio, intorno alle 13.00 di ieri, è intervenuta all’assemblea nazionale che si stava svolgendo all’università La Sapienza di Roma per la costruzione di un NO sociale al referendum costituzionale voluto da Renzi.

Nonostante sulla sua testa penda un mandato di arresto per aver deciso di evadere gli arresti domiciliari imposti dalla Procura di Torino, Nicoletta, con un breve intervento dritto e conciso, ha portato il sostegno della Valle di Susa contro le politiche renziane in vista del no al referendum di dicembre.

La platea, piacevolmente sorpresa, l’ha accolta e poi salutata con applausi e cori di solidarietà. Un messaggio di speranza volto a stimolare chi lotta dicendo NO alle ingiustizie che gravano sul nostro paese e per chi combatte contro uno stato repressivo, per la libertà di tutti e tutte. Parole e pensieri rivolti anche a chi, come lei, è sottoposta a misure cautelari qui in Valle e nel resto d’Italia.

La Questura subisce un altro smacco a firma No Tav in conclusione di una settimana durante la quale non ha saputo intervenire grazie al muro popolare che non ha lasciato mai sola Nicoletta.

Il movimento non si arresta e continuerà a stare al fianco di Nicoletta, seguiranno aggiornamenti!

AVANTI NO TAV!