Archivi tag: 22 novembre

La mamma di Mattia a Lonato: non possiamo stare a guardare, uniti ce la possiamo fare!

Pubblichiamo di seguito l’intervento della mamma di Mattia, uno dei ragazzi NO TAV in carcere da più di un anno, con l’accusa di terrorismo sabato 22 novembre al termine della passeggiata popolare . Continua la lettura di La mamma di Mattia a Lonato: non possiamo stare a guardare, uniti ce la possiamo fare!

INTERVENTO NO TAV AL CONSIGLIO COMUNALE DI DESENZANO

jpg1

Il coordinamento No TAV Brescia-Verona ha deciso di non ripetere in questa sede le ragioni della nostra decisa e convinta contrarietà a quest’ opera, non vedendo in tale occasione alcuna opportunità di reale dialogo ne di informazione tra istituzione e cittadini.

Abbiamo imparato andando in Val di Susa, al terzo Valico e in altre realtà aperte che le Assemblee Popolari sono gestite dai cittadini e, i Sindaci e gli amministratori del territorio ci partecipano mettendosi però in posizione di ascolto e di vero confronto attivo e partecipe. Ci sembra quindi questa l’ennesima occasione perduta per avvicinare cittadini e istituzioni, un rapporto che negli ultimi anni, diciamo almeno una ventina, è andato lentamente deteriorandosi a causa di comportamenti e pratiche utili piu’ ad ottenere un profitto o vantaggio personale che non il bene della collettivita’. Continua la lettura di INTERVENTO NO TAV AL CONSIGLIO COMUNALE DI DESENZANO

Verso il 22 novembre: partenze collettive e…facciamoci sentire!

Dopo settimane di assemblee su tutto il territorio, dopo aver cacciato numerose volte i funzionari di Cepav 2 che agiscono illegalmente sulle nostre terre, ci prepariamo a sabato per la passeggiata No Tav a Lonato carichi e convinti che la strada che stiamo percorrendo è l’unica strada possibile per salvare il nostro territorio e fermare questo scempio. Continua la lettura di Verso il 22 novembre: partenze collettive e…facciamoci sentire!

22 novembre: PASSEGGIATA NO TAV A LONATO – FERMARLO E’ POSSIBILE, FERMARLO TOCCA A NOI

Il grande successo di partecipazione delle recenti mobilitazioni contro il progetto dell’Alta Velocità Brescia-Verona mostra la concreta possibilità che si crei un movimento popolare capace di bloccare quest’opera inutile, costosa e fortemente dannosa per il territorio e l’economia bresciana. L’entusiasmo e la partecipazione che accompagnano le assemblee mano a mano che vengono organizzate nei paesi mostrano la volontà di intraprendere questa battaglia affinchè si riprenda in mano il futuro di un territorio tanto bistrattato negli ultimi decenni.

Nonostante questo, sappiamo che il consorzio Cepav 2, il general contractor che ha in carico la realizzazione dell’opera, mostra tutta l’intenzione a voler aprire i cantieri entro la metà del 2015, forte di un sistema legislativo che ancora ci impone le grandi opere come investimenti prioritari per il Paese. Il progetto definitivo è stato infatti depositato e il 6 novembre ci sarà a Roma la prima conferenza dei servizi, mentre il 25 dello stesso mese scadranno i termini per le osservazioni in vista della verifica d’ottemperanza.
Mano a mano che il progetto viene sviscerato, emergono sia la superficialità con cui è stato redatto, sia le enormi ricadute per il territorio (viabilità di cantiere segnata su cartografie vecchie di trent’anni, zone di stoccaggio di materiali interne ad aree con vincolo archeologico e tutelate dall’Unesco, ecc.).
Nemmeno il finanziamento da 1,5 miliardi di euro, sbandierato dal consorzio e (secondo loro) inserito nell’ultima legge di stabilità, pare avere dei riscontri reali. Ai limiti della follia, inoltre, la richiesta di apertura di 6 nuove cave di prestito localizzate in quei comuni che oggi registrano la più alta densità di cave e discariche d’Europa.
E mentre dal dibattito pubblico scompaiono i riferimenti all’utilità dell’opera, soluzioni alternative, più praticabili e sostenibili, sono già state individuate. Come, ad esempio, il potenziamento della linea storica oggi sottoutilizzata, che garantirebbe, inoltre, un risparmio consistente di risorse pubbliche che potrebbero essere destinate per opere ben più utili al territorio e alla collettività (collettore del Garda, bonifiche ambientali, sanità, edilizia scolastica, ecc.).
Continua la lettura di 22 novembre: PASSEGGIATA NO TAV A LONATO – FERMARLO E’ POSSIBILE, FERMARLO TOCCA A NOI

Verso il 22 novembre: passeggiata NO TAV a Lonato e prossime iniziative

Ieri sera alla riunione dei comitati No Tav Brescia-Verona è stata decisa la data e l’ubicazione definitiva della passeggiata No Tav che era stata proposta per novembre.

La manifestazione sarà a Lonato, con ritrovo alle 14:00 in Piazza Martiri della Libertà (piazza del Comune), sabato 22 novembre.
Di seguito trovate un video sulla passeggiata del 5 ottobre a San Martino della Battaglia, è questo lo spirito con cui stiamo costruendo questa nuova iniziativa e questa lotta, tutti insieme e determinati nelle nostre azioni! Continua la lettura di Verso il 22 novembre: passeggiata NO TAV a Lonato e prossime iniziative