Archivi tag: casa dei popoli

20/9 @ Desenzano serata informativa “Strage di Viareggio: non è stato uno “spiacevolissimo episodio”!”

Strage di Viareggio: No, non è stato uno “spiacevolissimo episodio”!

La sera del 29 giugno 2009, poco più di 10 anni fa, alle 23,48, un treno merci deragliò poco dopo aver superato la stazione di Viareggio. Trasportava GPL – gas di petrolio liquefatto – che fuoriuscì da uno dei carri cisterna del treno causando un incendio e l’esplosione di varie palazzine adiacenti alla stazione. Ci furono 32 morti: parte morirono subito per le ustioni o per il crollo degli edifici, altre morirono in ospedale nelle settimane o nei mesi successivi, oltre agli innumerevoli feriti.
“Uno spiacevolissimo episodio” così definì quanto accadde Mario Moretti, A.d. della Società holding Fsi (Ferrovie dello Stato italiane).

Contro questo tentativo di lettura della strage, già dalle primissime settimane successive alla strage, cittadini, attivisti, lavoratori, anche delle stesse ferrovie, si
organizzarono intorno ai familiari delle vittime per chiedere VERITA, GIUSTIZIA, SICUREZZA. Parole d’ordine scandite, fino ad oggi, in cortei, presidi, su volantini, in convegni. Una lotta organizzata, incessante, determinata che ha prodotto mobilitazione popolare, come abbiamo potuto verificare, anche ultimamente, dove più di diecimila persone hanno sfilato, a Viareggio, nel decennale della strage. Una mobilitazione, una lotta, che in questi anni ha voluto mettere, ed ha messo, in luce “le responsabilità ma anche le colpe di una gestione del sistema ferroviario focalizzata sui profitti e gli interessi aziendali: non sulla sicurezza del personale viaggiante, dei passeggeri, dei territori attraversati e le loro popolazioni”. “La Strage di Viareggio è stata infatti la tragica ed eclatante conferma degli errori e degli orrori della privatizzazione e l’aziendalizzazione dei servizi strutturali (al di là di chi formalmente possiede le azioni): in settori centrati sulla vita delle persone, si importa e si rende centrale la produzione degli utili, la valorizzazione dei propri assetti e del proprio capitale. Così, la qualità del lavoro e del servizio, la salute, la sicurezza, le vite delle persone, sono trasformati in una semplice variabile di costo, da ponderare ed eventuale sacrificare nel quadro complessivo dei business plan e delle priorità aziendali”. Paradigma sostanzialmente confermato anche nei
primi due gradi di giudizio che hanno portano alla condanna dell’allora gruppo apicale delle ferrovie.

Di questo si racconterà e discuterà nell’incontro di Venerdì 20 alla Casa dei Popoli Thomas Sankarà, a Desenzano, h 20,30 con i familiari delle vittime e gli attivisti protagonisti, sotto molti punti di vista, di una mobilitazione esemplare.

Coordinamento NoTav Brescia-Verona

Casa dei Popoli Thomas Sankara – Desenzano del Garda