Archivi tag: domiciliari

Nicoletta Dosio a Roma : intervento a sorpresa in apertura all’assemblea nazionale “c’è chi dice no”

Nicoletta Dosio, intorno alle 13.00 di ieri, è intervenuta all’assemblea nazionale che si stava svolgendo all’università La Sapienza di Roma per la costruzione di un NO sociale al referendum costituzionale voluto da Renzi.

Nonostante sulla sua testa penda un mandato di arresto per aver deciso di evadere gli arresti domiciliari imposti dalla Procura di Torino, Nicoletta, con un breve intervento dritto e conciso, ha portato il sostegno della Valle di Susa contro le politiche renziane in vista del no al referendum di dicembre.

La platea, piacevolmente sorpresa, l’ha accolta e poi salutata con applausi e cori di solidarietà. Un messaggio di speranza volto a stimolare chi lotta dicendo NO alle ingiustizie che gravano sul nostro paese e per chi combatte contro uno stato repressivo, per la libertà di tutti e tutte. Parole e pensieri rivolti anche a chi, come lei, è sottoposta a misure cautelari qui in Valle e nel resto d’Italia.

La Questura subisce un altro smacco a firma No Tav in conclusione di una settimana durante la quale non ha saputo intervenire grazie al muro popolare che non ha lasciato mai sola Nicoletta.

Il movimento non si arresta e continuerà a stare al fianco di Nicoletta, seguiranno aggiornamenti!

AVANTI NO TAV!

 

Niccolò, Claudio, Mattia, Lucio, Francesco e Graziano finalmente liberi!

liberi

Finalmente Niccolò, Claudio e Mattia a seguito di istanza di scarcerazione sono liberi!

Parallelamente anche Lucio, Graziano e Francesco hanno fatto istanza e il giudice del loro procedimento ha deciso di liberarli, ma con la misura non detentiva dell’obbligo di dimora, a Milano e Lecce.

La situazione di Chiara invece è un po’ più complicata visto che alcuni mesi fa le è stata applicata dal tribunale  di Teramo la sorveglianza speciale che diventerebbe esecutiva qualora finisse gli attuali arresti domiciliari.

Di loro 7 e dei due diversi procedimenti con i quali la procura torinese avrebbe voluto far vincere il teorema del terrorismo abbiamo scritto molto in questi anni, denunciando il chiaro tentativo di rinchiudere la lotta No Tav dietro le sbarre, sperando di sfinirla e terrorizzarla.

Così non è stato ed insieme abbiamo percorso questo lungo cammino.

Lucio, Graziano, Francesco, Chiara, Claudio, Niccolò e Mattia hanno lottato con coraggio e determinazione , dimostrando a tutti cosa è in grado di fare un cuore che si getta oltre l’ostacolo.

Non è ancora completamente finita, soprattutto per Chiara, ma gioiamo del sapervi quasi tutti liberi e vi aspettiamo qui per percorrere di nuovo insieme questi sentieri di libertà.

Libertà per tutti i No Tav!

Solidarietà ad Emilio e ai compagni del CSA Dordoni

Gli uomini e le donne che lottano contro il TAV Brescia-Verona esprimono la loro solidarietà ad Emilio e ai compagni del CSA Dordoni e ne chiediamo l’immediata liberazione! ‪#‎liberitutti‬

11081452_10206644269890113_4761712021428765521_n

**************************************************************************

Condividiamo le parole di Nicoletta Dosio:

L’arroganza del potere non ha limiti. Essere antifascisti è ridiventato un reato in questo nostro paese dove devastatori e torturatori sono giustificati e protetti.
Il compagno Emilio del Csa Dordoni di Cremona, qualche tempo fa ridotto in fin di vita dalle spranghe dei fascisti rimasti impuniti , ora, proprio in relazione all’aggressione subita, è stato messo agli arresti domiciliari con altri compagni, mentre due di loro sono stati portati in carcere.
Grande è la rabbia e la tristezza per questo mondo capovolto, per questa nostra società inerte, dimentica dei morti partigiani e di quanto sia invincibile un popolo che decide di ribellarsi.
La Valle di Susa che non si arrende è a fianco di Emilio e dei compagni del Dordoni e ne chiede l’immediata liberazione.
Contro i fascisti vecchi e nuovi, perché la Liberazione non si riduca a vuota celebrazione, ma torni a vivere e ad agire, ora e sempre Resistenza!