Archivi tag: no tav trentino

TRENTINO – Un buon risultato del movimento NO TAV: la Landservice rinuncia ai carotaggi

La Landservice di Bolzano stava collaborando al progetto del TAV in Trentino. Una sua trivella era stata bloccata per tre giorni e tre notti nell’ottobre 2014 dai no tav e dalla popolazione di Marco di Rovereto. A parte due eseguiti di nascosto, gli altri cinque carotaggi erano stati sospesi grazie alla mobilitazione.

Il 27 ottobre scorso, una trivella della stessa ditta è stata portata di nascosto e scortata dalla Celere a sud di Trento (alle Novaline, sopra Mattarello) per riprendere i carotaggi funzionali alla nuova ferrovia del Brennero.

Sia il 28 ottobre, sia il 7 novembre la trivella è stata di nuovo bloccata, con alcuni no tav che vi si sono arrampicati sopra per tutta la giornata.

A difendere la trivella c’erano i reparti antisommossa di carabinieri e polizia, che il 7 novembre hanno manganellato, ferito e gasato decine di manifestanti. La Landservice, perseverando in questi lavori, era corresponsabile sia delle devastazioni previste dal TAV sia delle violenze della polizia.

Nel novembre 2015, a Bolzano, si era tenuto un presidio davanti alla sede legale della Lanservice per dire: ritirati dai lavori del TAV!

Oggi siamo venuti a sapere che la Landservice si è ritirata dall’appalto per i carotaggi funzionali al TAV (per i danni economici subiti e per la pericolosità dei lavori). Non credendo agli imprenditori illuminati sulla via di Damasco, per noi questo è il risultato della mobilitazione no tav. I blocchi della trivella, a Marco nell’ottobre 2014 come alle Novaline nell’ottobre-novembre 2015, hanno rappresentato dei passaggi importanti, sia dal punto di vista pratico sia da quello comunicativo. Dopo il presidio di tre giorni e tre notti a Marco, la partecipazione all’acquisto collettivo del terreno no tav di Acquaviva è più che raddoppiata in due settimana; dopo i blocchi della trivella alle Novaline, sia la fiaccolata di Mattarello sia il corteo del 14 novembre a Trento hanno avuto una composizione, un’intensità e un entusiasmo che derivavano proprio dall’elemento vivo della lotta. Nel silenzio in cui i promotori dell’opera vorrebbero tenere confinata la questione del TAV, la lotta popolare – in cui ognuno mette quello che si sente e che può – crea dibattito, sbugiarda la controparte e soprattutto alimenta la fiducia in ciò che si può fare insieme, dal basso.

Un movimento, se vuole essere un movimento di lotta e non semplicemente di opinione, non deve mai staccarsi dalla materialità del progetto che dichiara di voler impedire. Il TAV è fatto di decisioni politiche, di propaganda mediatica, di soldi pubblici; ma è fatto anche di ditte costruttrici, trivelle, recinzioni, cemento e tondini; è fatto di banche che lo finanziano (come la Sparkasse con il tunnel di base del Brennero) e di poliziotti che lo difendono. Concentrarsi solo su alcuni aspetti (quelli più comodi o più spettacolari) è un errore.

Sbugiardare le menzogne di un Rossi, di un Gilmozzi o di un De Col è necessario (l’abbiamo fatto per anni e continueremo a farlo); ma gli interessi in ballo sono troppo grandi perché possiamo essere così ingenui da pensare di convincere i promotori con i ragionamenti, i dati o il buon senso. Lorsignori possono anche sentirsi onnipotenti, ma non è così. Senza le ditte che eseguono i lavori (compresi quelli preliminari come i carotaggi), i discorsi istituzionali restano parole al vento. E infatti le “tregue” (cambi di progettazione, sospensione dei carotaggi) il movimento le ha conquistate sul campo, non certo per gentile concessione.

Una ditta che si ritira è dunque cosa buona a cui dare il massimo di pubblicità (non a caso la controparte ha taciuto la notizia riguardante la Landservice).

La strada è ancora lunga, ma ci sembra quella giusta. Lo abbiamo detto, scritto e urlato: la gente come noi non molla mai.

Besenello, 14 marzo 2016

assemblea dei comitati no tav del Trentino

Aggiornamenti importanti sul TAV Brescia-Verona! Prossimo appuntamento 14/11 alla manifestazione NO TAV in Trentino!

Mercoledì 4 novembre si è tenuta a San Martino della Battaglia l’assemblea pubblica del Coordinamento No Tav Brescia-Verona che riunisce rappresentanti dei diversi Comitati No Tav della zona e che, con questa modalità di riunione aperta, apre le porte anche a persone esterne per consentire di informarsi e aggregarsi al percorso di resistenza al progetto di linea ad alta velocità Brescia-Verona.

Questa assemblea ha avuto il piacere di avere la partecipazione e la consulenza del Prof. Erasmo Venosi, fisico nucleare ed ex-vice Presidente della Commisione IPPC del Ministero dell’Ambiente.

Era inoltre presente Stefano dei No Tav del Trentino, il quale ha raccontato la situazione di resistenza della popolazione locale alla trivella che in questi giorni sta occupando il terreno pubblico per i carotaggi del progetto del Tunnel di Base del Brennero.

Erasmo Venosi ha presentato la situazione attuale del progetto e quelli che ne sono gli aspetti più problematici per il mancato adempimento di norme interne e comunitarie relativamente al progetto TAV approvato nel 2003 (ovvero: un’era geologica fa).

Gli aspetti attengono a:

1) VIA – Valutazione di Impatto Ambientale: il progetto non tiene conto dell’effetto cumulato degli impatti come previsto dal Testo Unico Ambientale. Il progetto TAV s’inserisce lungo un percorso già altamente denso di infrastrutture e antropizzato: autostrada A4, linea ferroviaria storica, tangenziali , abitazioni e aziende.

2) PIANO CAVE: le terre e le rocce da scavo rappresentano la maggior fonte di avvelenamento per il terreno, tenendo conto anche che nello scavo delle gallerie si utilizzano dei leganti chimici altamente inquinanti. Nel progetto di Cepav2 è totalmente assente un piano cave. Il rischio è quindi che, in un territorio già pesantemente carico di cave e discariche, si vadano ad aggiungere milioni di metri cubi di scavi che verranno trattati senza uno specifico progetto.

3) MODELLO DI CALCOLO DELLE EMISSIONI DELLE POLVERI, soprattutto quelle da cantiere: Cepav 2 usa un modello del tutto obsoleto ed il Ministero ha rilevato che va aggiornato.

4) VALUTAZIONE DELL’IMPATTO MAGNETICO: da un lato il Ministero richiede a Cepav 2 di rifare il monitoraggio e verificare se i valori di induzione del campo magnetico sono compatibili, dall’altro lato…questo aspetto importantissimo è stato rimandato alla redazione del progetto esecutivo.

5) VINCOLO ESPROPRI: nella fascia contigua alla linea TAV non è possibile costruire perché vincolata all’esproprio. Nel 2003 è stato approvato il progetto, pubblicato poi in gazzetta ufficiale nel 2004, il vincolo durava 5 anni ed è scaduto nel 2009, a progetto non avviato. Il governo Monti ha rinnovato il vincolo prolungandolo a 7 anni e scadrà il prossimo 6 giugno 2016. Se non verranno aperti i cantieri entro tale data, per Cepav2 saranno grossi problemi perché reiterare il vincolo per una terza volta è difficilmente accettabile per gli organi giurisdizionali, tenuto conto anche che la norma del governo Monti pone la possibilità di espandere il limite fino a 10 anni, ma a giugno 2016 si arriverà già a 12 anni di vincolo.

Ci sono poi gravi problemi di deroghe da norme del diritto comunitario e problemi di deroghe o mancato rispetto di norme di diritto interno:

a) RATING DI LEGALITA’ del General Contractor (Cepav2): il modulo dell’Autority della Concorrenza e del Mercato e del Ministero dello Sviluppo Economico prevede che il sistema bancario conceda il finanziamento del progettto al General Contractor (i soldi non li da direttamente lo Stato, li danno le banche ai quali poi lo Stato fornisce la garanzia) solo se c’è il Rating di Legalità. Dalla documentazione del progetto Tav Brescia-Verona non risulta che Cepav 2 abbia o che gli sia stato richiesto il Rating di Legalità.

b) Secondo il Decreto Legislativo 228/2011 l’analisi costi-benefici è obbligatoria. Cepav2 ha presentato l’analisi nel 2003, ora tale analisi va rifatta. L’analisi costi-benefici è un’analisi economica: quali saranno i benefici per la comunità derivanti da quest’opera in relazione ai costi economici che dovrà supportare? L’analisi finanziaria, invece, purtroppo non è prevista…perché sono investimenti che non avranno mai un ammortamento, le stime di traffico sono del tutto insufficienti e ciò significa che le perdite, già oggi prevedibili, di questa TAV verranno pagate da noi contribuenti. Ci troviamo di fronte sostanzialmente ad una redistribuzione di risorse pubbliche dal basso verso l’alto!

c) FINANZIAMENTO DELL’OPERA: i soldi non ci sono. E’ un finanziamento poliennale e nella tabella E della legge di stabilità sono allocate le risorse per gli investimenti in conto capitale. Quella tabella vale per un triennio: 2015, 2016, 2017. Per il lotto Brescia-Verona e Verona-Padova sono disponibili in conto capitale 2.800 milioni di euro…ma si tratta di allocazioni di competenza e non di cassa…potrebbero divenire di cassa nel 2018, oppure no. La situazione economico-finanziaria attuale è estremamente grave e inoltre ci sono i limiti del fiscal compact.

d) FISCAL COMPACT secondo il quale l’Italia deve rientrare del rapporto debito pubblico-pil dal 132% al 60% nell’arco di 20 anni…ciò significa che spazio per investimenti e risorse ce n’è ben poco e la realtà è che vengono tagliati 4 miliardi di euro alla Sanità e 18 miliardi di euro alle Regioni per mantenere in piedi progetti del tutto inutili e ingiustificatamente costosi come questo.

Nel momento in cui il Procuratore Generale della Corte dei Conti dichiara: “nelle opere strategiche c’è un 40% di sovrapprezzo” significa che sull’intero segmento da Milano a Padova c’è un “sovrapprezzo” di 6 miliardi di euro!

L’esempio concreto del gonfiamento degli appalti Tav sta nella costruzione della linea Tav Torino-Milano: la lunghezza di questa linea è di 112 chilometri e sono state costruite ben 412 chilometri di vie di accesso! Questa Tav ha raggiunto il massimo di spesa per costo unitario al chilometro di 65 milioni di euro…in un tratto completamente in pianura. Quando in Francia, per un tratto del tutto simile, raggiungono al massimo 15-20 milioni di euro a chilometro.

Sulla Brescia-Verona, per ovviare al reticolo viario interferito sono previsti 15 nuovi cavalcavia, 20 sottovie, 9 sottopassi poderali e 2 sottopassi ciclopedonali…ovvero una devastazione del territorio ed il costo al chilometro è, al momento, di 62 milioni di euro al chilometro.

In un gravissimo momento economico e sociale come questo riteniamo che questo progetto sia assolutamente da eliminare in favore di progetti veramente utili alla comunità.

Da un lato quindi il Coordinamento No Tav Brescia-Verona proseguirà con i propri strumenti di resistenza e di informazione, ma allo stesso tempo, trattandosi di un progetto che viola non solo norme di diritto interno, ma anche di diritto comunitario, ci saranno margini e possibilità di agire per richiedere l’intervento dell’Unione Europea in merito.

Inoltre è stato deciso collettivamente che sabato 14 novembre il Coordinamento No Tav Brescia-Verona porterà il proprio sostegno alla manifestazione indetta dai comitati No Tav del Trentino contro il Tunnel di Base del Brennero, il quale purtroppo non segue linee diverse e più corrette rispetto al Tav Brescia-Verona. I gruppi No Tav locali in questi giorni si trovano a dover resistere alla presenza di una trivella per carotaggi che è stata portata scortata da un’ingente scorta di celere e forze dell’ordine, come ci ha raccontato Stefano dei No Tav del Trentino. Gli attivisti, supportati dalla popolazione locale, hanno occupato per un giorno intero la trivella e nella fiaccolata indetta per sabato 31/10 hanno ricevuto il sostegno di ben 350 persone.

A breve infine pubblicheremo il calendario delle prossime iniziative in programma su tutta la tratta.

PER RAGGIUNGERE LA MANIFESTAZIONE NO TAV TRENTINO DEL 17 NOVEMBRE CI TROVIAMO ALLE 13:00 AL CASELLO DELL’AUTOSTRADA DI DESENZANO PER FARE UNA MACCHINATA NO TAV VERSO LA MANIFESTAZIONE! 

CARICHE E LACRIMOGENI CONTRO ATTIVISTI NO TAV A MATTARELLO

CTMPMVAWsAAnJF-

CARICHE E LACRIMOGENI CONTRO ATTIVISTI ‪#‎NOTAV‬ IN TRENTINO. Questa mattina alle 6.30 gli attivisti #notav trentini si sono trovati a Mattarello per un assediogioioso all’ingresso del cantiere per la costruzione del Tav alle Novaline . Numerosi attivisti no tav stanno presidiando i due diversi accessi al cantiere, l’intento di oggi è impedire che la trivella per I sondaggi geognostici non entri in funzione. Due cordoni di attivisti hanno sfondato i blocchi di polizia ci sono state cariche e lancio di lacrimogeni. I

Il sondaggio della trivella è stato quindi bloccato per la seconda volta. Gli attivisti No Tav sono riusciti a circondare il cantiere e una persona si è arrampicata sulla trivella, un altra sul tetto di un furgone e altre sono arrampicate sulle recinzioni. La polizia ha caricato e sparato lacrimogeni per allontanare i manifestanti dal cantiere che ora sono tutti sulla strada per esprimere  ai ragazzi che stanno bloccando la trivella. Viene lanciato un appello per dare man forte!!!

CTMJikJWoAAGWfH

CTMVLenWEAEpi7y

CTMeMNoWwAADY3q

CTMeLGFWUAE7bv_

Di seguito il comunicato di lancio dell’iniziativa di questa mattina

Dalle 6.30 assedio gioioso alle Novaline a Mattarello!
Troviamoci e partiamo assieme!
Alle Novaline, da più di una settimana, è presente la trivella per sondaggi geognostici propedeutici alla realizzazione della nuova linea ferroviaria ad alta velocità.

Gli abitanti che abitano in quella zona non sono stati né informati né hanno ricevuto notizie su quanto dureranno i lavori. Assieme al macchinario è presente un imponente schieramento di polizia in assetto antisommossa, polizia in “borghese” e addirittura la sorveglianza privata: dopo il blocco di un’altra trivellazione a Marco di Rovereto, è la prima volta che una trivella viene letteralmente scortata, un chiaro segnale per intimidire la popolazione e un altrettanto lampante messaggio di quanto faccia paura la contrarietà a quest’opera.

Tutto ciò avviene nel silenzio totale della Provincia, evidentemente accondiscendente e sostenitrice della grande opera.

Sabato mattina proponiamo di ritrovarci in piazza a Mattarello alle 6.30 e metterci in marcia verso la trivella cercando di ostacolare l’arrivo degli operai al cantiere.
Invitiamo tutti coloro che hanno a cuore la tutela del proprio territorio, a dimostrare che il TAV è un’opera inutile e nociva, che porta solo devastazione ambientale e la militarizzazione del territorio.
Mobilitiamoci assieme contro l’arroganza di chi vuole imporre un’infrastruttura inutile per il futuro di questa valle e non solo.

Facciamolo assieme, percorrendo le strade assieme, confrontandoci assieme!

Facciamo vedere che il TAV e le sue trivelle possono essere fermate da tutti e tutte e che non siamo disposti ad accettare la devastazione del nostro futuro!
Saremo presenti fin dal mattino con un gazebo con cibo e bevande calde e materiale informativo su quello che viene definito il cantiere più grande d’Europa.

Torte e quant’altro sono le benvenute!

Per capire come vogliamo organizzarci, troviamoci venerdì 6 novembre alle 20.30sempre in piazza a Mattarello.

Cordinamentotrentinonotav e presidio permanente acquaviva e resistente.

A FERMARE LA TRIVELLA C’ERAVAMO TUTTI! SABATO 31 OTTOBRE FIACCOLATA A MATTARELLO

12193437_1026901130673960_5265435105860782664_nMartedì 27 ottobre la Provincia di Trento ha mostrato chiaramente la sua posizione sul TAV: da un lato propone fantomatici “osservatori democratici” e DALL’ALTRO, mentre si chiacchiera, cerca di imporre l’Opera con la forza. Una trivella scortata da celere e polizia, ecco la discussione che propongono. In risposta alle menzogne e alla prepotenza della Provincia, in solidarietà con tutte le persone che hanno impedito alla trivella di lavorare, proponiamo una fiaccolata per SABATO 31 OTTOBRE. Partenza alle ore 18 da Piazza Perini a Mattarello. Esserci è davvero importante, perché anche chi non poteva lasciare all’improvviso le proprie famiglie o il lavoro per bloccare la trivella, faccia vedere che chi l’ha fatto non era solo, che stiamo dalla parte di chi protegge il territorio, non di chi lo devasta per un proprio esclusivo profitto.
Diciamo No al Tav, impediamo qualunque opera preliminare, difendiamo insieme il nostro futuro: fermarli è possibile, fermarli tocca a noi!
SABATO 31 OTTOBRE Partenza alle ore 18 da Piazza Perini a Mattarello

###################################################

Trivella alle Novaline: racconto e riflessioni su una giornata di resistenza bella e importante

Partiamo dal dato più importante: la trivella portata di nascosto e scortata dalla Celere alle Novaline (Mattarello) non ha scavato nemmeno un centimetro di terra. La pronta risposta dei no tav, che all’alba si sono dati appuntamento nella piazza di Mattarello, ha permesso di bloccare la trivella per tutta la giornata di mercoledì (i lavori sono fermi anche oggi). Una cinquantina di noi – chi all’entrata del cantiere, chi attorno, chi sopra la trivella – ha colto una falla nel controllo poliziesco e la trivella non ha potuto lavorare. Dalle 6,30 alle 19,00 la presenza di no tav è stata costante, fino all’assemblea serale che si è svolta a Mattarello. L’avevamo detto in un’affollata assemblea popolare a Marco, dopo i tre giorni e tre notti di presidio-blocco della trivella dell’ottobre 2014: impediremo qualsiasi lavoro preliminare al TAV perché funzionale ad un’opera inutile e devastante. Siamo donne e uomini di parola. La presenza della polizia in tenuta antisommossa, che non ha lesinato spintoni e manganellate, dimostra una volta di più che la messa in scena dell’Osservatorio con cui informare e dialogare sull’opera è uno specchietto per le allodole: la Provincia fa le cose di nascosto e con la forza. La stampa ha dato ampio risalto alle denunce contro una ventina di no tav all’evidente scopo di spaventare. Anche le denunce fanno parte della lotta, e chi le ha prese lo ha fatto per impedire un’opera che devasterebbe il territorio di tutti, a partire proprio dalla zona di Mattarello. Per questo ha tutto il nostro appoggio. Il movimento no tav – che qui in Trentino ha ormai dieci anni di storia – è articolato e composito, come hanno dimostrato le partecipate manifestazioni e l’acquisto di un terreno in più di settecento. Non chiede certo a tutti di farsi portar via di peso dalla polizia o di rimanere 11 ore su una trivella. Ma ora è importante ribadire che alle Novaline a bloccare la trivella c’eravamo tutte e tutti, perché chi era lì ha fatto quello che abbiamo sempre detto: bloccare e resistere.

A questo dovranno servire la fiaccolata di sabato 31 ottobre a Mattarello e il corteo di sabato 14 novembre a Trento. A far vedere che ci siamo, che non ci facciamo prendere in giro e che non abbiamo paura. A far vedere che la Provincia mente quando dice che “quest’opera la vuole l’Europa” e che in Trentino c’è consenso al riguardo. Quando si mente sulle trivelle (vi ricordate Gilmozzi sul carotaggio di Marco che sarebbe dovuto servire per le barriere antirumore, smentito prima dai no tav e poi da RFI?); quando si cambia apposta la legge urbanistica per poter far sondaggi di nascosto; quando non si dice nulla sullo stato del progetto preliminare per la tratta trentina del TAV (quello del 2011 è stato ritirato); quando si manda la polizia in tenuta antisommossa si dimostra di disprezzare e allo stesso tempo di sottovalutare la popolazione. Come a Rossi e soci, anche alla Land Service – la ditta incaricata dei sondaggi – non è bastata la lezione di Marco. Forse contava sulla protezione della polizia, e invece la trivella è rimasta sola soletta per tutta la notte e oltre. I tecnici della ditta si lamentavano che qualcuno avesse strappato dei cavi della trivella, che ora sembra da sostituire. Che per il profitto si possa lavorare ad un’opera devastante come il TAV, che migliaia e migliaia di persone non vogliono in tutta Italia, è una pretesa inaccettabile. Non sarà certo la Land Service a ripagarci per le falde acquifere prosciugate, per le polveri sottili respirate, per le montagne ferite, per le condizioni di vita peggiorate. Gli interessi in ballo sono troppo alti perché si ascolti la popolazione se quest’ultima non alza la testa e dice forte e chiaro che opporsi è giusto e possibile. Al nostro futuro dobbiamo pensare noi, senza delegare nessuno al posto nostro. Ancora una volta gli abitanti di una zona – in questo caso Mattarello – hanno saputo di trivelle, cantiere e polizia solo ed esclusivamente dai no tav, mentre chi governa blatera di trasparenza. E non si può non notare come, proprio mentre i no tav fermavano una trivella mandata da RFI, il presidente delle Ferrovie veniva arrestato con l’accusa di aver dato e preso mazzette per dichiarare utili opere che non lo sono. Francamente, è molto meglio rischiare per difendere la terra e la libertà. Un grazie alla Val Susa per l’esempio. Un grazie a chi ha resistito alle Novaline per il futuro di tutti. Altre trivelle? Siamo pronti.

Besenello, 29 ottobre 2015 assemblea del movimento no tav

La cronaca della giornata di Radio Onda d’Urto 

NO TAV TRENTINO: STATE OCCUPANDO ABUSIVAMENTE LA NOSTRA TERRA! FERMIAMO LE TRIVELLE!

E’ una vergogna! Per un unica trivella TAV, hanno militarizzato un piccolo fazzoletto di Trentino…due blindati della celere, carabinieri, polizia di stato, digos. Succede nella tranquilla Novaline, lungo la strada che porta a Vigolo Vattaro.
Ma come….non avevano ritirato il progetto? Come mai in questo Trentino che, a detta della Provincia, vede la popolazione favorevole
all’alta velocità, si arriva con tanta arroganza e violenza a blindare ed occupare l’intera area circostante il cantiere?
Ci stanno mostrando chiaramente chi sono e che intenzioni hanno. Fanno ciò che stanno provando a fare in tutta Italia, dalla Val Susa a Taranto: devastare l’ambiente, appropriarsi dei territori e delle risorse.
E’ disgustoso constatare che siano così ciechi ed indifferenti da pensare di schiacciare con la forza la volontà popolare che naturalmente desidera e vuole difendere la propria terra, la
propria salute ed il proprio futuro.
La Provincia di Trento istituisce l’Osservatorio…per mostrare di facciata il lato democratico e di ascolto delle volontà locali, ma nella realtà impone il tav con la forza pubblica.
Strana idea di dialogo!
Come movimento no tav Trentino, fatto da donne e uomini, giovani e meno giovani, non ci facciamo intimorire e non ci stiamo a questo livello di scontro.
Faremo ciò che abbiamo sempre fatto in questi anni, mettendovi in guardia sul disastro che un’opera inutile come il tav porterebbe anche in Trentino: faremo ciò che abbiamo fatto a Marco di Rovereto, opponendoci a quest’ennesima trivella.
Il nostro presidio permanente di “Acquaviva e Resistente” sarà sempre attivo.

Chiediamo a tutte le cittadine ed a tutti i cittadini che hanno a cuore il Trentino, di fare altrettanto e di venire sul posto a vedere con i propri occhi ciò che accade.

Domani 28 ottobre alle ore 18,30 – assemblea pubblica- sempre sul terreno del presidio.

Presidio permanente notav “Acquaviva e Resistente”

image

SABATO 14 NOVEMBRE MANIFESTAZIONE NO TAV A TRENTO

no tav trento

A un anno esatto dall’acquisto collettivo del terreno dove è nato il presidio no tav Acquaviva Resistente il Coordinamento Trentino No Tav ha organizzato una manifestazione a Trento per sabato 14 novembre. Il concentramento è alle 14.30 in Piazza Dante . Per presentare la manifestazione e per fare il punto sulla lotta e l’iter procedurale del progetto sono state organizzate assemblee, banchetti informativi e volantinaggi  nei paesi interessati dalla tratta.  Di seguito il volantino riassuntivo di tutti gli appuntamenti.

assemblea no tav a rovereto

CHI TOCCA UNO TOCCA TUTTI

11988384_426542797538545_2715032281502457458_n

CHI TOCCA UNO TOCCA TUTTI

Il prossimo 10 settembre Massimo, un compagno del presidio permanente No Tav Aquaviva e Resistente, dovrà comparire in tribunale.

Per lui è stata chiesta la “Sorveglianza Speciale”, una misura di punizione preventiva che può essere applicata a chi, agli occhi di procura e polizia, rappresenta “una minaccia per la pubblica tranquillità”. La Sorveglianza Speciale è una misura che mira a isolare socialmente la persona colpita (ad esempio gli è fatto divieto di partecipare ad assemblee, frequentare luoghi pubblici, parlare con più di tre persone contemporaneamente, e molto altro) in modo da impedirle di diffondere il suo pensiero e le sue pratiche. La misura è talmente arbitraria che per applicarla non è necessaria una condanna, una prova o un indizio specifico. Per capirci, nella specifica richiesta per Massimo, in un passaggio dell’incartamento compare questa dicitura: “Anche dalle sentenze di assoluzione possono essere ricavati elementi indiziari certi utilizzabili…”, insomma, anche da “innocente” Massimo rappresenta un pericolo, ma per chi?

Questo provvedimento, che affonda le sue radici nella monarchia sabauda e si è consolidato durante il fascismo, tocca in questo caso Massimo ma dal nostro punto di vista rappresenta una minaccia a tutto il movimento No Tav, un’intimidazione rivolta a tutte e a tutti noi.

Non possiamo infatti non collegare questa richiesta anche alle parole di Mauro Fabris (Commissario straordinario per le Opere di accesso Tunnel del Brennero) il quale lo scorso dicembre in una serata informativa sull’opera a Dolcè dichiarava: «La zona di Trento è in assoluto il punto più critico per la realizzazione del Tav, per la sua tradizione di lotta studentesca legata a Curcio e agli anarchici.>> (ricordiamo che Massimo è un anarchico noto nella zona).

Rifiutiamo sia l’equazione No Tav=Anarchici, che l’intimidazione con la quale vorrebbero farci desistere dall’opposizione a quest’opera inutile e dannosa – questa sì! – per la tranquillità della valle.

Massimo è uno come tanti di noi che lotta con generosità e determinazione contro il TAV. Chi tocca uno di noi tocca tutti, esprimiamo dunque la nostra solidarietà nei suoi confronti e la determinazione a essere al suo fianco nell’opporci a questo provvedimento fin dall’udienza del 10 settembre, e continueremo anche se dovesse essere effettivamente applicata a lui o ad altri.

Per il 14 di Novembre è in programma una nuova grande manifestazione a Trento che ribadirà il nostro No alla costruzione del TAV, Massimo sarà con noi, Sorveglianza Speciale o no.

Assemblea del presidio permanente No Tav Acquaviva e resistente del 30 agosto 2015

Confronto No Tav e prossimi passi della lotta contro l’alta velocità – resoconto del dibattito del 25 agosto alla festa di Radio Onda d’Urto

11896329_10153580284082812_3603719564515814551_o

Ieri sera si è tenuto un dibattito NO TAV alla Festa di Radio Onda d’Urto tra diverse realtà: presenti all’incontro oltre ai No Tav locali che si oppongono alla costruzione del TAV Brescia-Verona, i No Tav Terzo Valico e Dino Alberti, parlamentare del Movimento 5 Stelle.

E’ stato nuovamente confermato che attualmente il progetto per la tratta che ci riguarda è  “congelato” finché Cepav 2 non darà risposta (e quindi cambierà anche parte del progetto) alle prescrizioni fatte dal Ministero dell’Ambiente, prescrizioni che prendono in considerazione tra le altre cose il fatto che parte del progetto sia previsto su discariche abusive, che distruggerà attività agricole, allevamenti, case, ecc.

Prescrizioni che prendono in considerazione tutti i dubbi e le perplessità che a livello pratico, e non solo “ideologico”, quest’opera porta con se. Dubbi e perplessità che non sono tanto lontane da quelle che nell’ultimo ventennio i vari movimenti locali contro il TAV hanno sollevato. Dubbi e perplessità che come ricordava ieri sera Claudio, esponente del Movimento No Tav Terzo Valico, una volta arrivati all’apertura dei cantieri diventano realtà: per anni, ad esempio, nelle loro zone hanno denunciato che nel scavare le montagne avrebbero trovato amianto, e così è stato.
Denunciavano anche il fatto che nel disboscare e creare cantieri avrebbero compromesso la sicurezza e l’assetto idreogelogico della zona aumentando i pericoli creati dalle alluvioni, e si inizia di nuovo a tremare per l’inizio di un’altra stagione di piogge.
Denunciavano le condizioni in cui lavorano gli operai, fotografati qualche settimana fa mentre lavoravano senza alcuna protezione in presenza di amianto.
Denunciavano anche la forte presenza di organizzazioni criminali a cui fossero appaltati i lavori: sono state mappate oltre 20 ditte e svelati collegamenti con ‘ndragheta e camorra, e scoperti precedenti in disastri ambientali di diverso tipo.
E questo solo per citare alcuni esempi.
E così, tutto quello che viene fatto passare da amministratori e stampa locale come allarmismo dei comitati No Tav, si trasforma rapidamente in realtà.
Una realtà che farà altri morti, perchè di amianto si muore, perchè le alluvioni mietono ogni anno centinaia di vittime.

E se ora i grandi titoli di stampa vogliono farci credere che il TAV Brescia-Verona sia fermo, sappiamo bene che non è così e da un momento all’altro l’iter proseguirà. Conosciamo da tempo il gioco del “tira e molla”, un sistema altamente usato per la costruzione delle grandi opere e che in particolare nel caso del TAV è stato ampiamente utilizzato negli ultimo 20 anni, probabilmente per dissuadere chi dice di NO fin da subito e far dubitare chi ancora non sa da che parte stare. Ma sappiamo altrettanto bene che questa è solo una fase dell’iter burocratico e che non vuol dire che quest’opera sia stata fermata.

A tal proposito è emerso nuovamente ieri in maniera sempre più forte e convinta che l’unica possibilità concreta di fermare il TAV è la costruzione di un movimento popolare, che dal basso, usando tante strade diverse, riesca a interferire realmente. Ed è per questo che a ogni livello dobbiamo continuare ad agire seguendo il percorso che abbiamo iniziato. Un percorso che non prevede di sedersi al tavolo delle mediazioni (come invece va di moda tra i nostri amministratori), che non accetta compensazioni per addolcire la “pillola” e soprattutto che è consapevole che quest’opera non vada fatta in ogni caso.
Un percorso che continuerà ad evidenziare anche le diverse contraddizione politiche locali, sfidando le amministrazioni sul piano delle compensazioni e delle criticità dei territori, perchè non si può accettare lo scempio della nostra terra, ulteriori rischi per la nostra salute e lo sperpero di denaro pubblico in cambio di qualche piccola “operuccia” d’abbellimento, come probabilmente auspica il nostro sindaco Del Bono bramando l’uscita del TAV da Brescia (consapevole del numero spropositato di espropri abitativi che si andrebbero a sommare a quelli del resto della tratta).

Ed è per questo che il dibattito si è concluso con la voglia e la necessità di continuare a mettersi in gioco e in discussione, di continuare a costruire comitati locali e proseguire il lavoro sul territorio. Perchè non è la politica dall’alto che deve decidere cosa fare con i nostri soldi, ma siamo noi a doverlo fare, perchè ne evade il nostro presente e il futuro di tutti e tutte.

11864768_10153580300097812_4513969204869157047_o

Le iniziative che verranno portate avanti prossimamente sono tantissime, in breve:

– il Movimento 5 Stelle, che rientra con le sue pratica in una delle tante strade da provare a perseguire per fermare quest’opera,  proseguirà nel progetto di usare come sedi parlamentari case che potrebbero essere sottoposte a espropri per rallentare l’eventuale iter burocratico e dare un messaggio forte di contrapposizione all’opera, oltre ovviamente proseguire con le segnalazioni parlamentari;

– il Movimento No Tav Terzo Valico ha in previsione di rilanciare diverse questioni: a partire dall’enorme rischio derivante dall’amianto, al fatto che ad Alessandria siano state autorizzate 4 nuove discariche per stoccare il materiale di scavo.
Nel frattempo nei prossimi giorni, il 28, 29, 30 organizzano una tre giorni NO TAV a Novi.

– Il Movimento No Tav Trentino organizza per il 29 e 30 giugno 2 giorni d’incontro, confronto e festa no tav in cui sarà presente anche la nostra mostra “T’AVRO’ ANCORA” , mostra fotografica itinerante e collettiva per amore della terra.

– il Movimento No Tav Val di Susa ha in programma, dopo una grande estate di lotta, diversi campeggi e iniziative, a partire dal prossimo week-end del 28-29-30, proseguendo con quello del 4-5-6 settembre fino al campeggio nazionale studentesco dall’8 al 12 settembre. 

Per quanto riguarda invece il calendario delle prossime iniziative locali vi segnaliamo:

banchetto NO TAV alla festa di Radio Onda d’Urto fino a sabato 29 agosto: venite anche a prendere volantini e locandine della nuova manifestazione del 17 ottobre da aiutarci a diffondere!

– il 2 settembre ASSEMBLA PUBBLICA NO TAV per decidere insieme la strada da percorrere per fermare il TAV!

– sabato 5 settembre a Peschiera del Garda riproponiamo lo spettacolo teatrale “No T’avevo Detto”

Tante altre iniziative verranno calenderizzate prossimamente per costruire un percorso di avvicinamento all’importante data del 17 ottobre dove scenderemo di nuovo in piazza determinati a dire “ORA BASTA! FERMIAMO IL TAV!”.

 

25 agosto: dibattito tra le diverse realtà NO TAV nazionali @ Festa di Radio Onda d’Urto

Martedì 25 agosto alla Festa di Radio Onda d’Urto si terrà un importante dibattito che vede a confronto le principali realtà #notav nazionali con: No Tav Val di Susa, No Tav Terzo Valico, No Tav Trentino e No Tav Brescia-Verona.

Un’importante momento di confronto ma anche di lotta perchè sarà anche l’occasione per portare avanti l’idea di una campagna nazionale comune, proposta uscita al campeggio di Venaus lo scorso luglio durante un confronto simile.

Un’importante momento per ribadire che FERMARLO E’ POSSIBILE E INSIEME LO FAREMO!

NO TAV TRENTINO: SABATO 13 PARATA NO TAV A ROVERETO

10801639_1520112198244992_8926144086019995036_n

Il Coordinamento Trentino No Tav ha organizzato per sabato 13 dicembre una PARATA NO TAV a Rovereto. L’invito è quello di portare  fischietti, pentole, tamburi, “qualsiasi cosa per farci sentire”. Una parata per ricordare che il 17 dicembre, a Torino, verrà pronunciata la sentenza del processo contro Chiara, Mattia, Claudio e Niccolò, no tav in carcere da un anno per aver sabotato dei macchinari nel cantiere del TAV in Valsusa. Per quell’azione, che subito il movimento in un’assemblea popolare e poi i quattro compagni in aula hanno rivendicato a testa alta, la Procura ha chiesto 9 anni e 6 mesi di carcere per “terrorismo”. Altri tre no tav sono in carcere (Lucio, Francesco e Graziano) e centinaia sono sotto processo per aver difeso la terra e la libertà dalla devastazione e dal profitto. Il Coordinamento Trentino NOTAV sottolinea in una nota che ” con questi processi e con l’accusa di terrorismo lo Stato
vuole intimidire e ricattare tutte le lotte”.

notav_5Intanto domenica 7 dicembre è stato inaugurato il primo presidio permanente No Tav della tratta Verona-Brennero situato lungo la statale 12 tra i comuni di Mattarello e Besenello all’altezza di un cavalcavia che segna il passaggio da strada normale a superstrada. Oltre 700 le persone che hanno partecipato all’acquisto del terreno dove sorgera’ il presidio.

Sentiamo Anna del gruppo Mamme No Tav di Marco ( Rovereto )