Archivi tag: #notavliberi

27 giugno: incontro NO TAV in piazza Roma a CREMONA

L’ Alta velocità viaggia spedita, ma in risposta trova resistenza e rivolta.
Oggi chi resiste alla devastazione e al saccheggio dei territori, si prende l’appellativo di “terrorista” come Claudio, Chiara, Mattia e Niccolò in carcere con regime di alta sorveglianza, accusati di un sabotaggio al cantiere del TAV in Val di Susa tra la notte del 13 e 14 maggio dell’anno scorso.

Continueremo a ribadire che il TAV è un progetto indegno e dev’essere contrastato ovunque con ogni mezzo necessario, che questa lotta tanto generosa quanto ribelle merita di andare oltre, per destabilizzare questo mondo fatto di merce, polizia e autorità.

Tutti sanno che il Val di Susa c’è in gioco qualcosa di più che la costruzione di un treno e che la resistenza contro il TAV potrebbe dare il vento necessario per accendere altre scintille nella polverierà che è questo esistente.

Ne parleremo con alcuni No TAV impegnati nel territorio, per condividere esperienze e saperi, fra repressione, accuse di terrorismo, devastazaione della natura e lotta di liberazione.

DALLE ORE 19 IN PIAZZA ROMA (CR)

Ore 19:00
Aperitivo benefit per i quattro compagni in galera con l’accusa di terrorismo.

Ore 21:00
Incontro pubblico No TAV sotto il gazebo di Piazza Roma.

DISTRIBUZIONE DI STAMPA SULLA LOTTA NO TAV E ALTRO…

In caso di pioggia l’incontro si terrà al C.S.A. Kavarna, zona Cascinetto, in via Maffi 2A.

More info: https://www.facebook.com/events/1445185629065854/

10 MAGGIO: UNA COCCARDA IN SOLIDARIETA’ A CHIARA, CLAUDIO, NICO E MATTIA!

Il 10 maggio in concomitanza con la MANIFESTAZIONE STOP BIOCIDIO BRESCIA ci sarà a Torino una grande manifestazione contro la repressione e in solidarietà a Chiara, Claudio, Nico e Mattia, i 4 ragazzi arrestati ingiustamente e accusati di terrorismo.
Dalla Valle arriva l’appello durante la giornata del 10 di indossare una coccarda fatta con un nastro rosso e uno bianco, i colori della bandiera no tav, per far sentire la nostra solidarietà a chi è come noi, perchè se loro sono terroristi, lo siamo anche noi in ugual modo.
NOI NE PREPAREREMO UN PO’ DA DISTRIBUIRE DURANTE LA MANIFESTAZIONE, E’ UN GESTO SEMPLICE MA MOLTO IMPORTANTE!
Perchè se terrorista è chi cerca di far fare o non far fare qualcosa al governo, allora di terroristi ce ne sono tanti altri tra di noi.
Se accettiamo che questi quattro no tav vengano accusati di terrorismo, accetteremo il fatto che tutte le forme di protesta possano essere considerate un attentato con finalità di terrorismo: questo vorrebbe dire reprimere ogni forma di protesta accettando tutto quello che dall’alto ci viene imposto.
Se i partigiani sono diventati degli eroi è perchè hanno vinto, altrimenti sarebbero stati cancellati dalla memoria di tutti perchè considerati banditi, facinorosi o violenti.
Ma i partigiani, che tanto ammiriamo, altro non erano che combattenti armati che appartenevano a un movimento di resistenza che combatteva una guerra di difesa di natura civile contro un’occupazione militare, la conquista o la colonizzazione di un territorio.
Ciò che contraddistingue il partigiano dal soldato non è solo l’impegno politIco ma anche e sopratutto la sua natura territoriale, legata alla difesa di un’area geografica coincidente con l’area culturale di appartenenza.
E’ una descrizione che mi pare caratterizzi ognuno di noi, chiunque lotti e protesti, a diversi livelli, per la propria terra, per la salute e il futuro di tutti.
Dobbiamo quindi essere considerati partigiani o terroristi? La risposta la scriveremo cambiando la storia!
#10maggio #notavliberi #liberitutti #terroristaèlostato#sostienilaresistenza #stopbiocidiobrescia #notav #notavbrescia