Archivi tag: sentenza processo compressore

TERRORISTA CHI? MERCOLEDI 17 DICEMBRE ORE 18 PRESIDIO IN PIAZZA LOGGIA A BRESCIA

1487440_523503504453262_797922372911050484_n

Il 17 dicembre ci sarà la sentenza per Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò, i quattro NO TAV accusati di terrorismo. Un’accusa chiaramente politica, poiché vuole colpire con loro tutte le lotte sociali attive nel nostro paese partendo dalla lotta contro il TAV, “la madre di tutte le preoccupazioni” come disse il ministro dell’interno Cancellieri del governo Monti. Quel giorno in diverse parti di Italia verranno costruiti momenti di mobilitazione: diventa quindi cruciale e fondamentale il sostegno anche da Brescia e provincia, dove negli ultimi mesi centinaia di persone si stanno mobilitando per impedire la realizzazione della tratta Brescia-Verona dell’alta velocità, ennesimo esempio di distruzione ambientale e spreco di denaro pubblico (si parla già di 4 miliardi di euro preventivati, che con il tempo sicuramente aumenteranno).
Scendere in piazza questo giorno significa solidarietà attiva agli accusati ma soprattutto continuare la lotta contro questa grande opera inutile, per il diritto alla casa e per i nostri diritti sociali sempre più attaccati da questo governo Renzi, massima espressione delle politiche di saccheggio dei territori e delle nostre vite (come ben dimostrato dal jobs act e dallo sblocca italia).
Il 17 saremo quindi in Piazza Loggia per ricordare anche che il 28 maggio 1974 il terrorismo, quello vero, uccise quel giorno 8 persone e ne ferì 103 tramite una bomba piazzata dai fascisti di Ordine Nuovo con la complicità dei servizi segreti. Ma qui i processi per i terroristi sono finiti in assoluzioni, prescrizioni e depistaggi che hanno affossato la possibilità di avere giustizia nelle aule dei tribunali dello Stato, complice se non assassino. Per un compressore bruciato invece, Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò rischiano pene pari a 9 anni di carcere in regime di 41 bis (regime carcerario definito dalla Unione Europea come forma di tortura, a quali sono sottoposti da già più di un anno).

Ci troviamo tutti e tutte alle ore 18 in Piazza della Loggia per un presidio NO TAV in solidarietà agli arrestati NO TAV accusati di terrorismo, poiché liberare tutt* significa lottare ancora!!