Archivi tag: Soccorso No Tav

FERMIAMO CEPAV 2

10947333_365991840247000_86385019264915590_n

Le recenti inchieste giudiziarie che hanno riguardato la costruzione e la realizzazione di alcune grandi opere (Mose a Venezia, Expo a Milano) ci impongono una nuova e approfondita riflessione rispetto all’Alta Velocità, i cui cantieri stanno da qualche tempo interessando la città di Brescia e nel giro di qualche mese, entro la meta’ del 2015, dovrebbero interessare anche la tratta verso Verona,

Ci impone soprattutto di mettere sotto la lente quali sono le ditte impegnate direttamente nella gestione e nella costruzione del TAV 

Continua la lettura di FERMIAMO CEPAV 2

CALCINATO: OPERATIVO IL NUMERO DEL SOCCORSO NO TAV

10881671_10204665037659122_3051006879054958725_n

I militanti del movimento No Tav hanno presidiato per tutto il pomeriggio di sabato 20 dicembre il piazzale Italmark a ridosso della provinciale 28 a Calcinato, con un gazebo dal quale sono stati distribuiti ai cittadini volantini informativi e mappe del tracciato della nuova linea ferroviaria.

“In questa fase della mobilitazione – racconta la portavoce Chiara Botticini – stiamo controllando che i tecnici del general contractor realizzatore di questa infrastruttura operino nel rispetto della legge. Dai primi di novembre si stanno aggirando nelle nostre campagne per effettuare escavazioni e carotaggi e qualche volta abbiamo verificato che ciò è accaduto senza l’autorizzazione dei proprietari”.

Continua la lettura di CALCINATO: OPERATIVO IL NUMERO DEL SOCCORSO NO TAV

SOCCORSO NO TAV IN AZIONE NEL BASSO GARDA

IMG-20141219-WA0000

Il Soccorso No Tav è entrato in azione ben tre volte nelle ultime 48 ore. 

Giovedi 18 dicembre nella campagna di Calcinatello i tecnici incaricati dei rilievi per la realizzazione della nuova linea ferroviaria ad alta velocità hanno proseguito le attività di carotaggio, con l’ausilio di una pala escavatrice, un furgone e una jeep, nella zona di via Brescia, in un terreno nei pressi del canile san Rocco. “Dopo aver tagliato le maglie di una rete di recinzione, sono entrati con una ruspa in una proprietà e hanno iniziato uno scavo,raccogliendo campioni di terra” raccontano i militanti del Comitato No Tav Calcinato .  “Vista la presenza dei nostri attivisti – sottolineano – hanno riparato la recinzione che avevano danneggiato e si sono diretti nel campo confinante con l’autogrill dell’autostrada A4”.

“Noi abbiamo proceduto ad avvisare subito per telefono la Polizia Locale di Calcinato – spiegano – ed è emerso che gli operatori non hanno saputo giustificare la loro presenza con un mandato scritto. Secondo quanto abbiamo appreso dagli agenti, l’Ufficio tecnico comunale era a conoscenza dei lavori. Gli operai hanno comunque comunicato che la ditta invierà le necessarie autorizzazioni per posta elettronica”.  “Ci sembra ridicolo – concludono i No Tav – che siano i cittadini ad allertare i vigili: compete all’Ufficio tecnico verificare che le operazioni siano effettuate secondo la legge, non ci si può fidare semplicemente della parola dei tecnici”.

Sabato 20 dicembre i No Tav tornano in piazza a Calcinato, con un presidio  dalle ore 14.30 alle 17.30 davanti all’Italmark in via XX settembre, per  informare la cittadinanza sul problema del passaggio sul territorio comunale della nuova linea ferroviaria ad alta velocità.

 “Il grande successo di partecipazione – affermano in un comunicato – delle recenti mobilitazioni mostra la concreta possibilità di creare un movimento popolare capace di bloccare quest’opera inutile, costosa e dannosa per il territorio e l’economia bresciana. Nonostante questo il general contractor che ha in carico la realizzazione dell’opera mostra l’intenzione di voler aprire i cantieri entro la metà del 2015, forte di un sistema legislativo che ancora ci impone le grandi opere come investimenti prioritari per il Paese”.
 E aggiungono che “i tecnici si stanno aggirando dai primi di novembre nel territorio di Calcinato per effettuare escavazioni e carotaggi, molte volte senza l’autorizzazione dei proprietari”. Secondpo loro sono “del tutto illegittimi i tentativi di avvio degli scavi, non preavvisati e precedenti a un via libera ufficiale definitivo ai lavori della tratta in questione: i proprietari devono comunque dare il consenso a tali operazioni e se non sono d’accordo possono rifiutare l’ingresso. Per poter contrastare queste azioni – come è accaduto nei giorni scorsi nella campagna di Calcinatello – è stato creato un Soccorso No Tav contattabile al 328.3056509”.

Venerdi 19 dicembre i tecnici di Cepav 2 sono invece stati avvistati in due diversi punti in zona Desenzano del Garda.

In zona Centenaro ( Trattoria Rossa ) un cittadino ha notato la loro presenza e ha chiamato lo 030-45670 di Radio Onda d’Urto che a sua volta ha avvisato gli attivisti No Tav. I picchetti trovati lungo la strada che porta al canile sono stati rimossi e ai tecnici è stato negato l’0accesso in alcune proprieta’ in zona Montale. Altra segnalazione è stata fatta in zona San Martino nei pressi dell’agriturismo Armea : anche in questo caso Soccorso No Tav è giunto sul posto ma i tecnici di Cepav2 se ne erano gia’ andati .

CALCINATO: ANCORA IN AZIONE IL SOCCORSO NO TAV

10714242_10205448846288610_2579045096750631250_o

 

20141128_165356 (1)

Ancora una volta gli operai e tecnici di cepav2 invadono strade e proprietà private senza permesso o accordo bonario.

Giovedi  27 novembre , nel primo pomeriggio, si sono presentati numerosi  senza mezzi riconoscibili e con uno scavatore nuovamente su territorio di Calcinato e precisamente in zona Barconi di Calcinatello.

Gli attivisti No Tav accorsi sul posto, sono rimasti sulla strada comunale osservando e fotografando i tecnici di Cepav . La polizia locale immediatamente informata è accorsa sul posto.

I tecnici di Cepav2, alla vista della volante, hanno subito,nascosto le carte in loro possesso, fermato lo scavatore e hanno tentato „una fuga „ all’ interno di una vicina ditta per nascondere il mezzo (il tutto in pochi secondi non sapendo che fra i dipendenti della ditta c’era un attivista il quale ha impedito loro di parcheggiare i mezzi non avendo gli stessi nessuna autorizzazione per poterlo fare).

Quelli di CEPAV2 non sono stati in grado di dare spiegazioni riguardo al loro operato alla polizia locale, ma si sono prontamente preoccupati di chiedere loro se potevano sequestrare le foto e video del comitato No Tav  locale che era in azione in quel momento, quando loro in realtà  erano sul suolo privato per scavare in cava Signoria senza i permessi necessari. Sono poi stati scortati fuori dalla proprietà privata dai vigili.Avvisato il proprietario dell’area non ha concesso il proseguimento dei lavori.

Ancora una volta siamo riusciti a bloccare un’operazione non lecita di questi personaggi.

10828103_10205448843248534_2336137800605014357_o

241125_10205448846848624_1429468551866510273_o

1398472_10205448840768472_4146858044910639634_o

10517626_10205448846408613_1566568746633581394_o

10830758_10205448853288785_2261671311135561092_o

1397087_10205448849368687_537381291981266781_o

10507145_10205448854088805_6642153127673575244_o

CALCINATO: SOCCORSO NO TAV BLOCCA I TECNICI DI CAPAV2

cepa

cepa2

Sabato 15 novembre 2014 – Intorno alle 12 di questa mattina alcuni funzionari e tecnici di Cepav 2 (ditta che ha in appalto la costruzione della tratta Alta Velocità Brescia-Verona) si sono presentati all’ ingresso di una proprietà di Calcinatello (frazione di Calcinato – Bs) accompagnati da un Caterpillar cui successivamente si è aggiunta una trivella. Questi hanno sostenuto, quando l’abitante affitturario di terreno ed immobile (uno degli immobili che dovranno essere abbattuti per far spazio alla linea ad Alta Velocità) ha chiesto spiegazioni ed avvisato la proprietà, di dover cominciare alcuni scavi sul terreno. Dopo la resistenza verbale dell’interessato, hanno desistito rimanendo comunque in zona per alcune ore cercando di attuare la stessa pratica in altre proprieta’.

Stando alla testimonianza di chi rischiava di subire questo originale “esproprio”, e di chi, grazie al tam-tam innescatosi all’interno di un vero e proprio “soccorso No Tav”, è accorso in aiuto, questo tentativo di avvio degli scavi sarebbe del tutto illegittimo: non preavvisato e precedente ad un “via libera” ufficiale definitivo ai lavori della tratta in questione.

I tecnici di Cepav2 potranno entrare solo , se e quando l’opera diventa di “pubblica utiità , necessità e ugenza”…..quindi dopo l’approvazione del progetto definitivo . Tale progetto è in procedura di valutazione di impatto ambientale presso la comissione speciale Via ( speciale perchè valuta solo le opere strategiche di cui all’allegato infrastrutture al documento di economia e finanza ) . A fine istruttoria la commissione trasmette al ministro dell’ ambiente e a quello dei beni culturali il rapporto della commissione che sarà poi inviato al Cipe. Questo integrato dai presidenti di Lombardia e Veneto approveranno il progetto definitivo che produce i suoi effetti dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Cittadini di Calcinato e dei paesi del basso Garda, attiviste e attivisti dei comitati popolari locali, facenti parte del coordinamento No Tav Brescia-Verona, sono rimasti in zona per tutto il pomeriggio per controllare i movimenti della ruspa e della trivella.

A Calcinato in questi mesi il tema certamente più discusso è quello del passaggio della nuova linea ferroviaria ad alta velocità sul territorio. Per informare i cittadini sui contenuti del progetto definitivo di questa grande opera inutile e dannosa l’amministrazione comunale ha programmato tre incontri pubblici. Uni si è svolto giovedì 13 novembre alle ore 20.30 all’oratorio di via Santa Maria a Calcinatello; gli altri sono in programma lunedì 17 all’Auditorium Bertini di Calcinato e martedì 25 all’ oratorio di via Don Rovetta  a Ponte San Marco. Gli attivisti No Tav saranno presenti per chiedere conto a chi di dovere di queste ” pratiche illegali di inizio lavori ”

Secondo il progetto Calcinato sarà fra i comuni maggiormente colpiti . Il Tav entrerà nel suo territorio dalla frazione Calcinatello, in località Quattro Vie, attraversando l’area dove ora si trova il canile San Rocco. Qui è prevista la confluenza del tratto proveniente da Brescia con quello dall’aeroporto di Montichiari, creando di fatto un enorme incrocio.  Il sedime interessato al passaggio della ferrovia avrà una larghezza di alcune decine di metri e oltre ai binari ci saranno anche aree di salvaguardia e opere di contenimento (muri, terrapieni, ecc.).

Proseguendo, la linea correrà a nord a fianco dell’autostrada A4 Milano-Venezia, quindi passerà appena al di là del cavalcavia di via Stazione (interessando anche la fornace vecchia e l’attiguo deposito edile, con possibili conseguenze per il recente quartiere edificato in via Morti Sant’Amos), attraverserà il monte e, infine, in località Cascina Faccendina (a sud della chiesetta dei Santi Anna e Gioacchino) scenderà in trincea verso il tunnel (con profondità di almeno 40 metri) che porterà il Tav in galleria sotto Lonato per riemergere dopo Desenzano in zona Lavagnone. Il tutto in un territorio che negli ultimi anni ha subito notevole danni ambientali, interessato da cave, discariche e depositi abusivi di materiali inquinanti.

Questo il calendario degli eventi in programma nelle prossime 48 ore verso la passeggiata No Tav di sabato 22 novembre a Lonato.

Domenica 16 : volantinaggio alla manifestazione MercanAntico di Lonato dalle 9 alle 17

Lunedi 17 : ore 15 presidio in Piazza della Loggia a Brescia in occasione del Consiglio Comunale  dedicato al TAV

Lunedi 17 : partecipazione di massa all’assemblea pubblica che si terra’ a Calcinato all’Auditorium Bertini

Martedi 18 : assemblea pubblica a Lonato presso la Bibblioteca alle 20.30 promossa dal Coordinamento No Tav Basso Garda – Alto Mantovano

http://www.radiondadurto.org/2014/11/15/tav-brescia-verona-blitz-illegittimo-di-cepav2-a-calcinatello/