Archivi tag: venezia

Arrestato Astaldi, presidente di Condotte, impresa del consorzio Cepav 2

Arrestato Astaldi, presidente Condotte Spa, terza impresa di costruzione italiana che fa parte anche del Consorzio Cepav Due
che progetta e costruisce il Tav Treviglio-Brescia-Verona.
Ma anche il Terzo Valico, la Nuvola di Fuksas, La città della Salute di Milano…il Mose di Venezia.
Tutti Progetti con P-maiuscola, calati sulle comunità dalla politica esattamente con lo stesso modus operandi.

Insieme a lui sono state arrestate, su ordine della procura di Messina undici persone con l’accusa di abuso d’ufficio, turbata libertà degli incanti e corruzione.

Ciò che interessa a noi è invece altro, considerato che la Condotte d’Acqua Spa è parte anche del Consorzio Cepav 2, quello che dovrebbe costruire il TAV Brescia-Verona, lo stesso che ha costruito la Treviglio-Brescia che proprio negli scorsi giorni ha fatto allagare la stazione Metro della Stazione proprio per colpa dei lavori fatti per il TAV.

Non aggiungiamo altro, riportando parte di un’articolo:

” È di stamani la notizia che il presidente del consiglio di gestione di Condotte SpA, Duccio Astaldi, è stato arrestato per presunti reati, come turbativa d’asta e corruzione, relativi alla realizzazione di una autostrada siciliana. La notizia riguarda anche Firenze perché Condotte SpA è il general contractor che dovrebbe realizzare i tunnel TAV. Questa notizia va ad aggiungersi alla storia del progetto fiorentino che tutti vogliono rimuovere ma che ha visto ben due inchieste della magistratura che hanno sollevato il velo su uno spettacolo vergognoso fatto di corruzione, truffe, mafie, inquinamento, traffico di rifiuti; tutti vogliono dimenticare che i lavori dovevano essere conclusi nel 2013, che i costi si sono moltiplicati e ormai sono sull’ordine del miliardo di euro. Non c’è che dire, davvero un’”opera strategica”… ma non per Firenze. Nessuno vuole nemmeno porre mente al fatto che Condotte SpA è sull’orlo del fallimento, che, sempre in Sicilia, è stata estromessa dalla realizzazione di una autostrada. È scandaloso che si vogliano tenere gli occhi chiusi davanti a questo e si pensi davvero di affidare lavori delicati, come lo scavo di gallerie in ambiente urbano, ad una società decotta.”

Questo è quanto dichiarato dal Comitato No Tunnel TAV per l’ennesima volta sconcertato davanti allo spettacolo offerto dalle vicende relative ai lavori TAV a Firenze. Per leggere il resto dell’articolo visitare QUI

Ci pare che anche per l’ennesima volta si dimostri ciò che andiamo ripetendo da anni sui nostri territori, e da oltre 25 anni in tutta Italia: il TAV oltre ad essere inutile, devastante per l’ambiente e pericoloso per la salute viene costruito da aziende sulla cui immoralità continuiamo ad avere conferme (per approfondimenti sul 3 valico visitare QUI).

Ed è per questo che continuiamo la nostra strada contro questa vergogna chiamata TAV!

NON PERMETTEREMO CHE QUESTE PERSONE DISTRUGGANO LA NOSTRA TERRA E IL NOSTRO FUTURO: DA CHE SA PASA MIA!

 

10 domande per Renzi e Hollande: saturiamoli!

10domandeIl Movimento NO TAV c’è sempre, anche l’8 marzo. A Venezia, per ricordare ai governanti che non sarà il loro centunesimo accordo balneare a rendere credibile il progetto della Torino-Lione. E in contemporanea a Roma al Senato della Repubblica, con gli amministratori e i tecnici del nostro territorio che spiegheranno le nostre ragioni in audizione presso la Commissione Lavori Pubblici e Comunicazioni.

Visto che non abbiamo paura del confronto, poniamo a Renzi e Hollande 10 semplici domande sfidandoli a rispondere in modo esauriente.

E invitiamo tutti a farlo insieme a noi, mandando le stesse domande a chi crede di poter decidere del nostro futuro. Usiamo twitter, facebook, l’e-mail e gli altri mezzi di comunicazione. Qui trovate le 10 schede con le domande, gli indirizzi e i riferimenti (tutti pubblici ovviamente).

Tempestiamoli, saturiamoli!

Twitter

@matteorenzi | Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi

@fhollande | Président de la République française François Hollande

@graziano_delrio | Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio

@AVidalies | Secrétaire d’État chargé des Transports Alain Vidalies

@Bulc_EU | European Commissioner for Transport Violeta Bulc

@SergioChiampa | Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino

@laurentwauquiez | Président de la Région Auvergne-Rhône-Alpes Laurent Wauquiez

@Agenzia_Ansa | Agenzia Ansa

@afpfr | Agence France-Presse

@Corriereit | Corriere della Sera

@la_stampa | La Stampa

@repubblicait | La Repubblica

@sole24ore | Il sole 24 ore

@fattoquotidiano | Il Fatto Quotidiano

@nuova_venezia | La Nuova Venezia

e-mail

matteo@governo.it | Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi

ufficio_stampa@governo.it | Ufficio Stampa Presidenza del Consiglio dei Ministri

segreteria.ministro@mit.gov.it | Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio

violeta.bulc@ec.europa.eu | European Commissioner for Transport Violeta Bulc

presidente@regione.piemonte.it | Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino

laurent.wauquiez@auvergnerhonealpes.eu | Président de la Région Auvergne-Rhône-Alpes Laurent Wauquiez

8 marzo – vertice ITALIA/FRANCIA: partenze da Brescia e Peschiera del Garda

Anche i NO TAV della tratta Brescia-Verona prenderanno parte a questa importante data a Venezia per il vertice Italia-Francia che  ci porterà ancora una volta verso i palazzi e le città dove vengono prese le decisioni sul futuro del nostro paese e su come investire i soldi pubblici.

APPUNTAMENTI PER RAGGIUNGERE VENEZIA INSIEME:

* ore 8:00 CASELLO DELL’AUTOSTRADA DI DESENZANO
Partenza collettiva in macchina.
Contatti Marco: 3397208233

* ore 8:00 STAZIONE FERROVIARIA DI PESCHIERA DEL GARDA
Partenza in treno che partirà alle 8:14.
Contatti Angelo: ‭3928687581‬

Durante il corteo faremo uno spezzone No Tav Brescia-Verona all’interno dello spezzone di tutte le realtà No Tav nazionali.

 

Appello 8 marzo No Tav, a Venezia contro il vertice Renzi-Hollande per la TORINO-LIONE

Nonostante le poche informazioni in merito, abbiamo appreso che l’8 marzo si svolgerà a Venezia un vertice bilaterale tra Italia e Francia per avviare l’iter parlamentare europeo di rettifica del protocollo di intesa sull’apertura dei cantieri per l’opera definitiva della TORINO-LIONE.

Stiamo parlando di un iter che è molto in ritardo rispetto alla tabella di marcia e che dovrà concludersi in sede europea entro fine dell’anno, a rischio ci sarebbero i soldi della UE a finanziamento dell’opera.
L’incontro bilaterale verterà anche su altri temi, tanti i progetti in discussione, ma soprattutto il loro percorso di finanziamento in sede europea.

Denari stanziati che, è bene non dimenticare, non sono il frutto del sudore di Renzi ed Hollande ma del nostro, degli europei, di chi lavora e di chi sopravvive a fatica nella crisi; ogni euro, insomma, destinato a quest’opera inutile e dannosa è sottratto a qualcosa di veramente utile per tutti e tutte.
Continuiamo infatti a parlare di un’opera che si è già rivelata un pozzo senza fondo, a partire dell’apertura del cantiere per il tunnel esplorativo a Chiomonte nel 2011, una sola galleria messa per traverso rispetto a quello che dicono sarà il tunnel vero e proprio che dovrebbe attraversare le Alpi. Un cantiere ad oggi attivo a fasi alterne nonostante le roboanti dichiarazioni, che devasta il territorio, inquina le nostre acque e la nostra aria e specula continuativamente sui costi.
Il tunnel di base che oggi appare ancora molto lontano, prevederebbe 2 gallerie lunghe 57 km mentre oggi quello “esplorativo” è arrivato a 4 km in 4 anni sugli 8 previsti (considerando la dichiarazione di apertura del cantiere). Tempi raddoppiati, costi aumentati; quello di Chiomonte, a conti fatti, si rivela il cantiere perfetto per imprenditori e governo: abbastanza lento, chissà se e quando finirà e nel frattempo continua a mangiare soldi pronti ad essere ridistribuiti a chi è dentro l’affare. C’è chi ringrazierà Renzi ed i suoi amici, ne siamo sicuri.
Nel 2012 andammo a Lione a contestare il vertice tra il nostro paese e quello francese e ricordiamo bene quella che fu l’accoglienza delle autorità francesi che con polizia e blocchi tentò di non farci raggiungere la città, inutilmente.
Pensiamo che la nostra presenza l’8 marzo a Venezia sia importante e ci stiamo organizzando per esserci.
Invitiamo tutti i No Tav e tutti i Comitati e le realtà attive sul territorio veneto e non solo a mobilitarsi insieme a noi, per continuare la battaglia più ampia per la difesa dei territori e contro le speculazioni dei governi italiano ed europeo.
Mentre intorno a noi, in questa ingiusta Europa, si chiudono frontiere e si alzano barriere, pensiamo che Renzi ed Hollande non meritino una vetrina immacolata per mostrare i loro disastri.
Ci vediamo a Venezia l’8 marzo!
Avanti No Tav!