Linea TAV Brescia-Verona: a chi serve un progetto del genere?

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

10959713_10204696128416736_2346722851715122767_n

La TAV per la tratta Brescia/Verona presenta un costo di 3.954 milioni di euro. Come si fa a iniziare un’opera con la metà dei soldi necessari e soprattutto non sapendo quando saranno disponibili quelli mancanti?

Venerdì scorso eravamo in presidio davanti al comune di Sommacampagna mentre all’ interno si svolgeva l’ incontro tra la Commissione regionale e i sindaci dei comuni interessati dalla linea TAV Brescia-Verona.

Vogliamo sottolineare che la TAV per la tratta Brescia/Verona presenta un costo di 3.954 milioni di euro e e che nel Contratto di Programma 2012-2016 risultano disponibili solo 768 milioni di euro, 1000 milioni saranno disponibili nel 2016 e la restante parte (2186 milioni) in un futuribile quanto indefinito “oltre”.

Come si fa a iniziare un’opera avendo meno della metà dei soldi necessari e soprattutto non sapendo quando saranno disponibili quelli mancanti?

Quindi la verità è che questa sarà un’ opera da “Striscia la notizia” visto che con i pochi soldi disponibili inizieranno i lavori per la galleria di Lonato e quella del Frassino e poi si fermeranno lasciando queste due cattedrali nel deserto che serviranno solo alla popolare trasmissione per l’ ennesima denuncia di spreco di denaro pubblico.

In merito agli impegni presi dalla regione Veneto per bocca del consigliereAndrea Bassi (Lega Nord), questi hanno il solo valore di propaganda elettorale visto che a maggio questa Giunta regionale non ci sarà più e il CIPE non potrà riunirsi prima di almeno 6 mesi visto che deve essere ancora chiusa la fase di VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) e ci sono dei problemi con i piani di smaltimento delle terre da scavo (che la regione ha ignorato).

Se vogliono dimostrare che non è solo campagna elettorale, il presidente Zaia dovrebbe sottoscrivere un accordo di programma ai sensi della legge 241 del 1990. Perchè la regione invece non chiede che i soldi sprecati per la TAV vengano usati per le opere necessarie al territorio? Con quello che costano dieci  chilometri di TAV (circa 620 milioni di euro) si potrebbero fare:
– la ormai leggendaria variante alla statale dodici.
– il collegamento ferroviario metropolitano tra Verona e Legnago.
– il nuovo collettore per il lago  di Garda.
E con altri 2 chilometri si potrebbe anche fare il collegamento ferroviario tra l’ aeroporto di Verona e la stazione di porta Nuova, il cui costo previsto è di 90 milioni .

Chiediamo anche al consigliere Franco Bonfante (PD) come si fa a ritenere ancora valido un progetto che come lui stesso afferma«risale a quindici anni fa in contesti diversi dagli attuali?». Quindi anacronistico nelle previsioni e calato dall’ alto in un territorio che nel frattempo è profondamente cambiato.

La vera domanda è: ma a chi serve un progetto del genere?

Daniele Nottegar
Cittadini contro il disastro TAV

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×