LUNEDI 13 OTTOBRE L’ASSEMBLEA GENERALE DEI COMITATI NO TAV DELLA TRATTA BRESCIA-VERONA

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

comitati-no-tav-brescia-verona-300x180

L’assemblea generale dei comitati no tav della tratta Brescia – Verona si svolgera’ lunedi 13 ottobre alle 21.00 presso la Sala Civica di Piazza Preistoria a Ponte San Marco  di Calcinato 

Questa settimana si stanno svolgendo le riunioni dei singoli Comitati. Martedì sera a Lonato si sono trovati i No Tav Basso Garda che hanno messo a punto una serie di proposte da portare all’assemblea generale: mandare una lettera a tutti i 21 Sindaci della tratta chiedendo di farsi carico di organizzare assemblee pubbliche per informare i cittadini; se questo non sarà fatto saranno gli stessi comitati a indire assemblee e raccogliere osservazioni; sarà proposto l’acquisto in multiproprietà di terreni posti lungo la tratta, nei Comuni di Calcinato,Lonato e Desenzano; tra le idee in cantiere c’è quella di organizzare presidi in prossimità dell’ingresso e dell’uscita della galleria di Lonato e indire una nuova passeggiata popolare entro la fine dell’anno che sia sintesi del lavoro fatto in autunno.

Eraldo Cavagnini preannuncia l’invio di “lettere aperte ai 21 sindaci dei Comuni interessati al passaggio della tratta Brescia-Verona”.
“Li invitiamo a pigliare solerte posizione sulla Tav – ha precisato – e a indire assemblee pubbliche con i propri cittadini durante le quali valutare insieme con essi le osservazioni al progetto definitivo, da presentare poi entro i sessanta giorni previsti dalla normativa vigente, in vista della redazione del progetto esecutivo”.
“Se non le indicono i sindaci – ha assicurato – le organizzeremo noi, comune per comune: non tolleriamo che i tempi di attesa per la nostra gente si allunghino ulteriormente”.
“Il nostro – precisa – è un no senza se e senza ma all’alta velocità. Siamo contrari a qualsiasi panacea compensativo e pannicello migliorativo. Da anni proponiamo di migliorare l’utilizzo della linea storica esistente, adeguatamente potenziata, che offrirebbe garanzie alle comunità locali, creando posti di lavoro e risparmiando denaro pubblico”.
Altra importante iniziativa sarà “l’acquisto di terreni in multiproprietà nei Comuni di Lonato e Calcinato, con l’obiettivo di realizzare attività di sensibilizzazione e rallentare le procedure di esproprio in vista della realizzazione di questa grande opera, naturalmente con strategie d’azione rigorosamente nonviolenta”.
“Una fitta serie di presidi e manifestazioni – conclude Cavagnini – si terrà poi per tutto l’autunno nei luoghi previsti per l’allestimento di gallerie e cantieri. Essa culminerà entro dicembre nella seconda edizione della passeggiata popolare che, dopo il successo di domenica a San Martino, stavolta unirà i territori di Calcinato e Lonato”.

Molta soddisfazione per la riuscita della manifestazione anche a Calcinato, da dove hanno partecipato decine di persone, con gli attivisti che si dicono pronti a mettere alle strette il sindaco della cittadina al suo secondo mandato e che mai si è degnato di informare i cittadini, centinaia dei quali direttamente interessati al passaggio della Tav.

Da calendarizzare un presidio davanti alla sede di Cepav2 a Brescia, una nuova assemblea da tenersi a Desenzano per la nascita ufficiale del comitato No Tav e l’organizzazione di incontri informativi nei paesi dove ancora non si sono svolti ( Mazzano, Castenedolo, Peschiera, Sirmione ecc…).

 

 

 

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×